Home » Il furto di identità » Consigli pratici nella vita reale e online

Consigli pratici nella vita reale e online

Consigli pratici nella vita reale e online - Sypcit

Tutti i passi e le misure utili a proteggere la carta di credito, i dati bancari, gli accounts ecc., evitando che cadano in mani sbagliate. Impariamo a riconoscere i segnali di un possibile furto di identità avvenuto a nostro danno...

Sono tutte precauzioni si semplice buonsenso, ma importantissime.

Per la protezione dei dati personali e sensibili da intercettazione ed uso fraudolento:

-       distruggere la documentazione che li contiene prima di cestinarla, se possibile gettare via i frammenti in luoghi e giorni diversi

-       non concedere i dati personali su siti web non ben conosciuti o istituzionali

-       non acconsentire a formule “ampie” di autorizzazione al trattamento dei dati personali anche se si danno ad aziende note: la cessione dei dati a terzi, a fini commerciali, ci fa perdere il controllo sulla loro circolazione e può facilitare il loro conferimento ad organizzazioni criminali più o meno dissimulate

-       non pubblicare sul profilo personale nei social network informazioni e dati in forma accessibile  tutti e non accettare indiscriminatamente richieste di amicizia, che possono aprire l’accesso a quei dati a persone sconosciute. Attivare la suddivisione dei contatti in liste con impostazione di restrizioni differenziate.

-       non immettere in rete informazioni, testi o foto a carattere riservato, poiché è molto facile perderne il controllo

-       non attivare la geolocalizzazione sui post: rendendo pubblica la nostra posizione mostriamo a tutti, ad esempio, il nostro indirizzo di casa.

-       non memorizzare sui dispositivi scansioni dei documenti di identità, del codice fiscale o altri documenti riservati (inclusi i cedolini dello stipendio e gli estratti conto della banca).

-       non rispondere mail a e-mail sospette e se possibile cestinarle senza averle aperte, per limitare il rischio di installazione di malware sul computer

-       non scaricare indiscriminatamente APP e software dalla rete; anche filmati e immagini possono celare malware tesi all’intercettazione dei nostri dati. Tenere presente che l’offerta gratuita di beni e servizi normalmente a pagamento quasi sempre nasconde insidie (certamente è il caso di software, filmati e musica pirata)

-       installare sul computer un client firewall ed attivare tutti i sistemi di protezione presenti nel sistema operativo, unitamente ad un buon antivirus

-       non memorizzare sui dispositivi (smartphone, computer, tablet ecc.) le credenziali di login: in caso di furto, smarrimento o intrusione offrirebbero facile accesso ai malviventi. Al verificarsi dell’evento le password vanno sempre cambiate.

Per le carte di pagamento:

-       custodire gelosamente la carte, mai insieme al pin;

-       sorvegliare sempre “a vista” il loro utilizzo (ad esempio al ristorante recarsi alla cassa per pagare, invece di consegnare la carta di credito al cameriere);

-       digitare il codice segreto al riparo da sguardi indiscreti (incluse le semplici telecamere di sorveglianza degli sportelli bancomat);

-       non utilizzare sportelli bancomat che presentino anomalie di qualsiasi tipo nell’aspetto strutturale (potrebbero essere stati manomessi per inserire skimmer e/o telecamere)

-       optare quando possibile per le carte con sistema “one time password” e per il servizio di alert via SMS sugli addebiti (che consente di averne notizia immediata)

-       utilizzare in alternativa carte prepagate per gli acquisti online, con modesta dotazione di fondi

-       verificare tempestivamente gli estratti conto e contestare gli addebiti non riconosciuti

-       attivarsi immediatamente per una verifica presso l’esercente se l’estratto conto della carta non arriva alla data prevista

Cosa è il furto di identità?

Perché ci rubano l'identità?

Quali mezzi vengono usati per rubare l'identità?

Come difendersi dal furto di identità?

Come affrontare il furto di identità avvenuto